Complottisti

Vaccini: il progetto oscuro – manipolazione genetica e sterminio controllato!!!

LA VERITÀ NASCOSTA CHEPERSONE CORAGGIOSE STANNO FACENDO USCIRE FUORI. FERMIAMO QUESTI CRIMINI CONTROL’UMANITÀ

MimmaDabramo ha condiviso la foto di SantiniCesare.

“A CUORE APERTO ” DI CESARE SANTINI

Vediamo insieme che cosa scrive la Dott.ssa Guylaine Lanctot, dottoressa canadese dotata di grandecoraggio.
Per 25 anni ha praticato la sua professione collaborando con leindustrie farmaceutiche.
Ad un certo punto della sua carriera siè resa conto dei giochi di potere, degli enormi interessi economici e delle macchinazionifatte ai danni del malato.
Nel suolibro spiega quali sono queste “macchinazioni” ed indica anche i gravi danni abreve, medio e lungo termine causati appositamente da queste industriefarmaceutiche all’Umanità per renderla sempre più malata per l’ignobile ragionedel solo profitto economico ossia dell’equazione più-malati = più-guadagni.Ha deciso di raccontare al mondo quali sono queste “macchinazioni” ed igravissimi danni causati dalle vaccinazioni. Per questo la dottoressa Lanctot è stata citata più volte in tribunale dalleindustrie chimico-farmaceutiche.
Nel capitolo“LA TRILOGIA DELLA MENZOGNA” del suo libro leggiamo: …

  1. La vaccinazione decima lepopolazioni.
    In maniera acuta nei paesi del Terzo Mondo e in maniera cronica in quelli industrializzati
    .
    A questo proposito, ascoltiamoRobert McNamara, ex presidente della Banca Mondiale, ex segretario di Stato degli StatiUniti che ordinò i bombardamenti massicci sul Vietnam e uno degliistigatori del programma mondiale di vaccinazione; non ha esitato a dichiarare: “Bisogna prendere misure drastiche diriduzione demografica, contro la volontà delle popolazioni.
    Ridurreil tasso di natalità si è rivelato impossibile o insufficiente; bisogna quindiaumentare il tasso di mortalità. Come? Con mezzi naturali: la carestia e lamalattia” (J’ai tout compris, N. 2, febbraio 1989, Ed. Machiavel).
  2. La vaccinazione consentela selezione delle popolazioni da decimare, facilita cioè il genocidio mirato.Permette di uccidere persone di una determinata razza o nazione, lasciandoindenni gli altri… chiaramente nel nome della salute e del benessere di tutti.

Prendiamo come esempio l’AFRICA, dove constatiamo lasparizione quasi totale (50% di decessi secondo gli ottimisti e 70% secondo ipessimisti) di alcuni popoli. Come per caso, ce ne sono parecchi nella stessaregione: Zaire, Uganda, estremo sud del Sudan. Nel 1967, a Marburg (inGermania), sette ricercatori che lavoravano sulle scimmie verdi dell’Africasono morti di una febbre emorragica sconosciuta. Nel 1969, sempre come percaso, la stessa malattie uccide in Uganda un migliaio di persone.
Nel 1976 una nuova febbre emorragica sconosciuta uccide nel Sudan meridionale…poi nello Zaire…
Sappiamo che, come per caso:

  • Nel corso delprocesso intentato alla C.I.A., il dottor Gotlieb, oncologo, ha ammesso diavere versato, nell’ottobre 1960, una grande quantità di virus nel fiume Congo(nello Zaire) allo scopo di inquinarlo e contaminare le popolazioni che neutilizzavano l’acqua. Il dottor Gotlieb è stato poi nominato direttore delN.C.I. (National Cancer Institute). (Questa informazione ci è giunta graziealle ricerche effettuate dalla dottoressa Eva Snead);
  • Dal 1968 alcuni virologi (specialisti di virus)avevano instillato il loro sofisticato materiale in ambienti ospedalieri delloZaire.

Nel 1992 o 1993 ho scoperto, in un reportagedell’agenzia Reuter, che “una malattia simile all’AIDS ha fatto 60.000 mortinel Sudan meridionale… Viene chiamata la malattia assassina… Sono sparitefamiglie e villaggi interi… Questa malattia, il Kala-azar… si manifesta confebbre e dimagrimento; i sintomi sono gli stessi dell’AIDS: il sistemaimmunitario è deficitario e si muore di altre affezioni…”
Sperimentazione = sterminio delle Minoranze che disturbano
E’ evidente che l’Africa, soprattutto i paesi del centro e del sud, contienerisorse favolose che hanno sempre risvegliato l’avidità degli Occidentali. Guaia chi oppone resistenza! Le colonie sono sparite, ma il colonialismo no…

  1. La vaccinazione serve persperimentare nuovi prodotti su un ampio campione di popolazione. In nome dellasalute, si vaccina contro pseudo-epidemie con prodotti da studiare.Il vaccino per l’epatite B sembra esserestato scelto apposta per lo scopoViene prodotto per manipolazione genetica ed è quindi molto piùpericoloso dei tradizionali poiché introduce nell’organismo celluleestranee al suo codice genetico. Per giunta questo vaccino, ricavato da viruscoltivati in ovaie di porcellini d’India (che aspetto avranno i nostridiscendenti?), è indicato come possibile causa del cancro al fegato. Ciònonostante gode di grande popolarità presso le autorità, che lo impongono primaa tutti coloro che lavorano in ambito sanitario e poi al resto dellapopolazione.
  • Nel 1986 le autorità sanitarie hanno praticato aibambini nati in Alaska la vaccinazione contro l’epatite B, senza nessunaspiegazione e senza chiedere l’autorizzazione ai genitori. In seguito molti sisono ammalati e parecchi sono morti. Pare infatti che nel vaccino fossepresente un virus denominato RSV (Rous Sarcoma Virus).

Le tribù autoctone americane sono sottoposte a moltevaccinazioni; proprio queste popolazioni difficili da dominare e proprietariedi grandi distese di terreno di cui ambirebbero impadronirsi le multinazionali…

loading...

Recentemente ho incontrato un gruppo di donne autoctoneper parlare di salute. Ben presto si è presentato il tema delle vaccinazioni.Quando ho comunicato alcune informazioni a riguardo, l’infermiera del gruppo miha confidato che il governo federale lasciava loro piena libertà nella gestionedella salute, ma a una condizione: che rispettassero scrupolosamente ilprogramma di vaccinazioni per tutti. Scese allora un grande silenzio…avevanoappena capito.

  • Nel 1988, durante un’intervista radiofonica, unambasciatore senegalese ha riferito i disastri portati dall’AIDS nel suo paese,dove villaggi interi erano stati decimati. Qualche anno prima alcune èquipescientifiche e mediche avevano vaccinato gli abitanti contro l’epatite B; lamalattia (AIDS) aveva colpito proprio queste persone vaccinate contro l’epatiteB.
  • Nel 1978 è stato sperimentato un nuovo vaccino sugliomosessuali di New York e, nel 1980, su quelli di San Francisco, Los Angeles,Denver, Chicago e Saint-Louis. Questo “nuovo vaccino”, ufficialmente control’epatite B, ha provocato la morte per AIDS di molti di loro, come orasappiamo. Fu la prima ecatombe ufficialmente riconosciuta.

Il programma di vaccinazione degli omosessuali control’epatite B era stato ordinato dall’O.M.S. e dal N.I.H. (National Institute forHealth). La loro collaborazione omicida non era una novità.

  • Nel 1970 hanno condotto insieme uno studio sulleconseguenze di certi batteri e virus inoculati nei bambini al momento dellevaccinazioni.
  • Nel 1972 questo studio si è concentrato specificamentesui virus che provocavano un indebolimento delle funzioni immunitarie.

Wolf Szmuness ha diretto a New York le sperimentazionianti-epatite B e ha reso noti i legami esistenti tra il Blood Center (dove sitrova il suo laboratorio), il N.I.H., il N.C.I. (National Cancer Institute), ilF.D.A. (Food and Drug Administration), l’O.M.S. e le scuole di salute pubblicadi Cornell, Yale e Harvard.

  • Nel 1994 si è svolta in Canada una vasta campagna divaccinazioni contro l’epatite B, inutile, pericolosa, costosa… Che cosanascondeva? Ho notato che le vaccinazioni abbondano nel Québec da tre anni aquesta parte.
    – 1992: vaccinazione contro la meningite;
    – 1993: richiamo della vaccinazione contro la meningite;
    1994: vaccinazione contro l’epatite B.

Sonostata testimone della vaccinazione del 1993. Mi ha particolarmente colpitaperché riguardava un’intera generazione (da 0 a 20 anni), tutto il Québec esolo il Québec. Da quando i virus e i batteri rispettano le frontiere, pergiunta provinciali? Ecco i fatti:

– Nonc’era un’epidemia in corso, né si rischiava che si verificasse, come confermanogli epidemiologi.
– Sono stati somministrati tre vaccini diversi, ognuno in un territoriospecifico.
– Sono state selezionate alcune infermiere per seguire un corso di formazione perla somministrazione di un vaccino speciale.
– Tutti i bambini erano schedati al computer.
– E’ stata esercitata una pressione enorme; le scuole erano trasformate incliniche e i bambini che rifiutavano di subire la vaccinazione eranoconsiderati degli antisociali.
– Le infermiere si recavano a domicilio per cercare le madri che rifiutavano difar vaccinare i figli in età presolare.

(…)

Ho vistocon i miei occhi un bambino che la madre rifiutava di far vaccinare.L’infermiera è andata a casa sua e le ha fatto credere che fosse obbligatorio.La madre si è lasciata convincere… e ora il bambino è spastico, paralizzato einsufficiente mentale.

– Lavaccinazione è costata 30 milioni di dollari ai contribuenti del Québec, per dipiù in un periodo di grave recessione.

Perché un simile accanimento assassino? Come gli autoctoni, il popolo del Québec disturba: è fiero dellapropria diversità e reclama la sua sovranità. Inoltre il Québec (insieme aiterritori degli autoctoni) ospita un grande serbatoio d’acqua molto allettanteper le multinazionali, che se ne vogliono impadronire per deviarne il corsoverso sud. Ho capito il valore dell’acqua quando un’amica che fa parte dellacommissione idrica della California mi ha confidato: “Ai giorni nostri il verooro è l’acqua!” Si potrebbe pensare a un’arma migliore della guerra biologicaper sbarazzarsi di popoli di cui si vuole conquistare il territorio?

Con il pretesto della difesa del nostro Paese vengono fabbricate armimicidiali. La guerra, biologica o no, è sempre guerra, e le armi uccidono. Laguerra biologica è un gigantesco business ampiamente finanziato CON FONDINOSTRI tramite l’esercito, la ricerca e le nostre donazioni. Finanziato ancheCON LA NOSTRA VITA, quella dei nostri figli e quella di milioni di innocenti. Siamo noi occidentali che, accettandol’obbligo della vaccinazione nel nostro paese e all’estero, siamo responsabilidelle nostre malattie e dei genocidi nel mondo.

via Compressamente

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK