Complottisti

Un dipinto raffigurante una scena del XVII secolo un nativo americano tiene in mano un moderno smartphone e solleva controversie

loading...

Secondo un dipinto raffigurante una scena del XVII secolo, un uomo nativo americano tiene nella sua mano destra un dispositivo che secondo molti è assolutamente simile a quello di un moderno smartphone.

Potrebbe questa rappresentazione artistica essere una prova del viaggio del tempo? Secondo una scena disegnata su un dipinto, un uomo nativo americano sembra fissare un manufatto che secondo alcuni è assolutamente simile a uno smartphone moderno.

Infatti, nel dipinto creato nel 1937, l’uomo nativo americano tiene il “dispositivo” mentre lo guarda e, secondo molti,  come se stesse tenendo uno smartphone. Il dipinto, chiamato Mr. Pynchon e il Settling of Springfield, dipinge una scena del XVII secolo.

L’uomo in primo piano è raffigurato con le penne in testa, indossa un mantello bianco, ma nella sua mano destra, tiene un oggetto misterioso.

Allora, quall è l’oggetto che viene tenuto dal nativo americano?

Secondo gli storici, è ridicolo pensare al viaggio del tempo o alla prova degli smartphone utilizzati nel XVII secolo.

In un’intervista a Motherboard, la dottoressa Margaret Bruchac dell’Università della Pennsylvania ha detto: “Esso ha una somiglianza piuttosto sconosciuta, sia nel modo in cui viene tenuto l’oggetto e nel modo in cui il nativo americano concentra la sua attenzione, su uno smartphone”.

Tuttavia, il dottor Bruchac ha aggiunto che, invece di essere uno smartphone effettivo, l’oggetto è più probabile che sia stato una lamiera di ferro, dicendo che il dipinto era un “genere artistico romantico” che lo ha reso difficile da raccontare.

Si dice molto delle moderne fantasie americane e delle fiction del dominio coloniale bianco nei confronti degli indiani “, ha aggiunto.

loading...

E mentre ci sono coloro che ipotizzano che il dispositivo è uno smartphone,che fa notare il fatto che alcune persone avevano la capacità di viaggiare avanti e indietro nel tempo, lo storico Daniel Crown sostiene che l’oggetto in questione – che assomiglia a uno smartphone – è infatti uno specchio, ampiamente utilizzato dopo la sua introduzione nel XVII secolo.

Lama di ferro, specchio, testo religioso o smartphone?

“Per metterlo in termini più precisi, la cosiddetta estetica  del pittore Romano era  ambigua”, ha detto Crown in una e-mail a Motherboard . “Quando Romano dipinse il murale, gli americani erano ossessionati dalla nozione di ” buon selvaggio”. Tenuto conto dell’attenzione della scena sulla fondazione di Springfield, Romano, in modo riduttivo, probabilmente che stava cercando di catturare l’introduzione della modernità in una comunità curiosa ma tecnicamente stordata, che è stata immediatamente stupefatta da un tesoro di oggetti  lucidi di Pynchon “aggiunse la Crown.

Tuttavia, oltre alla possibilità che sia uno specchio o una lamiera di ferro. L’oggetto potrebbe anche essere stato un testo religioso. Secondo la dottoressa Crown, l’elemento che è detenuto dal nativo americano può essere stato uno vangelo.

“Questi vangeli  approssimativamente avevano la stessa forma rettangolare di uno smarphone”, ha detto parlando a Motherboard.

Così lo vedete , una pittura controversa che secondo alcuni testimonia che i dispositivi iPhone e Android erano detenuti dai nativi americani nel XVII secolo, e secondo gli esperti è solo un altro quadro ordinario che ha avviato l’immaginazione di alcuni e che l’oggetto in questione è solo una lama di ferro, uno specchio o un antico testo religioso.

Fonte:www.ancient-code.com

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK