Complottisti

La Catastrofe Globale metterà alla prova gli Umani, prima di concedere loro di rimanere su questo Mondo!

loading...

La profezia Blu Kachina è molto, molto antica. Ne sono venuto a conoscenza molti anni fa  grazie all’amico Enzo Braschi e a Danny Many Horses, anziano della tribù degli Apache. Anche Frank Waters ha scritto su “Saquasohuh” (Stella Blu) nel Libro degli Hopi di questa storia del ritorno di Kachina. La storia proviene da Nonno Dan, il più anziano della Tribù ma questa storia era già conosciuta tra le molte tribuù dei nativi americani.

Risultati immagini per blu kachina indiani hopi

Mi era stato detto che dapprima la Stella Blu si sarebbe iniziata a vedere alle danze, e avrebbe mostrato il suo aspetto anche ai bambini durante il ballo notturno nella piazza. Questo evento ci avrebbe annunciato l’immediato approssimarsi dei tempi finali, qualli che stiamo vivendo ora. Poi, sarebbe apparsa fisicamente nei nostri cieli e ciò avrebbe significato il trovarci ormai nel periodo della fine.

Negli ultimi giorni scruteremo la volta stellata e assisteremo al ritorno dei “due fratelli” che hanno contribuito a creare questo mondo sin dalla sua nascita. Poganghoya è il custode del Polo Nord e suo fratello Palongawhoya è il guardiano del polo sud. Nei Tempi ultimi la Stella Blu Kachina verrà a stare con i suoi nipoti che vedranno ritornare la Terra alla sua rotazione naturale, ossia in senso antiorario. (Per l’inversione dei poli magnetici).

I Suoni dell’Apocalisse segnano il Ritorno di Kokopelli

I misteriosi suoni emessi da Madre Terra, quei suoni che si sentono in tutto il mondo e che vengono scambiati per i Suoni dell’Apocalisse, per alcuni capi indiani delle tribù native sarebbero suoni emessi dalla Terra per indicare il periodo di tempo dei “cambiamenti per l’Uomo”. I Suoni sarebbero la vera medicina per la Terra e per l’Uomo.

Ricordo bene, quando nei campi di frumento di Welsh Way, nel Gloucestershire (UK) il 22 Luglio 2014, fece la sua comparsa un crop circle composto da un grande cerchio, da cui emergeva un asse (una sorta di rettangolo) in cui erano collegati tre semicerchi. Il semicerchio centrale, presentava anche un altro piccolo cerchio concentrico, osservabile nella sua parte terminale. Molti i significati attribuiti a questa interessante formazione, ma ad occhio mi ha ricordato qualcosa che si ricollega con i simboli di alcune tribù indiane, come ad esempio quella degli Hopi.

crop Welsh Way5

crop Welsh Way diagramma

Infatti questo disegno somiglia molto al simbolo della divinità  “kokopelli” –  il cui vero nome in lingua originale è Kokopilau, è un simbolo molto comune che si può trovare, come dipinto murale, quasi ovunque nel vasto territorio americano: dalle terre degli Hopi nel sud ovest, alla punta meridionale del continente americano, fino all’estremo nord del Canada. La cavalletta Mahu è conosciuta come il flautista gobbo, come Kachina prese il nome di Kokopilau, a causa della sua figura rigida e ingobbita (koko=legno, pilau=gobba).

kokopelli (1)

 

Il simbolo che trasmette un messaggio spirituale: mettere alla prova gli uomini, prima di concedere loro di rimanere su questo Mondo!

Kokopelli

Quando i primi uomini all’inizio dei tempi iniziarono le loro migrazioni, erano accompagnati da due esseri insetti (Mahu), esseri che alcuni accostano alla famiglia del Popolo delle Formiche, ovvero gli Alieni “Grigi. Scalata un’alta montagna, vi incontrarono sulla cima una enorme aquila e uno dei due Mahu, parlando a nome degli uomini, le chiese se essa vivesse in quel posto già da molto tempo e se potesse concedere loro di accasarsi in quella terra. L’aquila rispose che viveva la, già dalla creazione del quarto mondo e che avrebbe dovuto mettere alla prova gli uomini, prima di concedere loro di rimanere.

loading...

Immagine correlata

Dopo una dura prova, che gli uomini superarono, l’aquila colpì con una freccia il primo Mahu, questo allora cominciò immediatamente a suonare una dolce e tenera melodia con il suo flauto. Quando l’aquila ebbe colpito anche il secondo Mahu e questo a sua volta prese a suonare una melodia ancora più dolce e tenera, essa riconobbe il loro potere: tramite le benefiche vibrazioni della loro musica, infatti, i Mahu avevano rafforzato il loro spirito e questo iniziò subito a guarire le loro ferite. Dopo di ciò l’aquila diede agli uomini il permesso di popolare quelle terre.

Da allora essi sono soliti cantare delle melodie ai loro bambini quando si ammalano, poiché sono coscienti della forza di guarigione contenuta nella musica.

La leggenda appena riportata dei nativi americani da la nozione simbolica del fatto che quando una persona si ammala per le difficoltà della vita, esce dal suono della vita, non è più in armonia con l’esistenza per questo si paragona la guarigione all’ascolto di una musica che rimetta in armonia l’interiorità della persona malata. Interessante notare come quasi tutti i crop circle (dalla geometria complessa) ci parlano attraverso la lingua armonica del “suono”, della “musica dell’Universo”, qualla musica che non viene recepita dai cuori dell’Umano scellerato che sta distruggendo se stesso e il suo ruolo come “ustode della Terra”.

kokopelli6

Questa stessa medicina, almeno da certe ricerche effettuate da svariati ricercatori, come ad esempio Masaru Emoto,  dice che uno squilibrio armonico delle cellule pone un soggetto in uno stato di malfunzionamento il che pone la questione sullo stesso piano ma con meno poesia, come invece erano soliti usare gli indiani americani nella loro saggezza.

Quindi il Kokopelli, era una figura mitica delle culture indiane, quelle del Pueblo del Sud-Ovest (Arizona e New Mexico), è conosciuto sia come guaritore, che come dio della fertilità o della musica.

Riassumendo, Kokopelli ci trasmette un messaggio attraverso la sua musica armonica, una musica creatrice, la stessa che troviamo nell’Universo, la stessa che ascoltiamo in tutto il mondo, ma identica a quella impressa in molti pittogrammi, come  quello di Welsh Way.

indians

Allora, io ero la, sulla più alta delle montagne, e tutto intorno a me c’era l’intero cerchio del mondo. E mentre ero la, vidi più di ciò che posso dire e capii più di quanto vidi; perché stavo guardando in maniera sacra la forma spirituale di ogni cosa, e la forma di tutte le cose che, tutte insieme, sono un solo essere. E io dico che il sacro cerchio del mio popolo era uno dei tanti che formarono un unico grande cerchio, largo come la luce del giorno e delle stelle, e nel centro crebbe un albero fiorito a riparo di tutti i figli di un’unica madre ed in un unico padre.

E io vidi che era sacro…
E il centro del mondo è dovunque.

Esiste una leggenda Hopi che racconta di Kokopilau (Kokopelli)  che nella notte del suo arrivo, tutti si riunivano intorno al fuoco per danzare e cantare al suono del suo flauto.  La leggenda prosegue raccontando che durante questi balli le donne che desiderano un figlio, venivano accontentate e già dal giorno successivo si ritrovano in dolce attesa, poiché il Kokopelli lascia loro i bimbi che porta nel suo sacco.
Il Kokopelli si trova raffigurato in innumerevoli incisioni rupestri del Sud-Ovest americano, a volte associato al serpente piumato Quetzalcoatl (che ricondurrebbe all’origine azteca del Kokopelli).

Di Massimo Fratini

via Segnidalcielo

La Catastrofe Globale metterà alla prova gli Umani, prima di concedere loro di rimanere su questo Mondo!

Click here to view the video on YouTube.

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK