Il Jerusalem Post lancia l’avvertimento: “Ci sarà una guerra, una grande guerra”

0
15

Il mondo arabo ha visualizzato  l’assassinio dell’ambasciatore russo ad Ankara come la scintilla per un 3 ° guerra mondiale?”
L’avvenimento del 20 dicembre viene visto con entusiasmo dal Jerusalem Post che cita il corrispondente di Al Jazeera Faisal al-Qaseem: “Se si pensa che l’assassinio dell’ambasciatore russo sia stato un evento pericoloso, basta poi aspettare che qualcosa di dieci volte più pericoloso sta per accadere nel prossimo anno. Il mondo sta per girare a testa in giù “.

Per il Jerusalem Post, il killer dell’ Ambasciatore Karlov sarà considerato un eroe come Gavrilo Princip, l’assassino del Granduca Francesco Ferdinando, e così egli sarà seguito da molti nel mondo musulmano.

Questo è, naturalmente, un fatto anche penalmente auto incriminante, di più che una ammissione (una confessione?) Tanto che il New York Times evoca uno scenario simile alla prima guerra mondiale …

Ma, mentre l’intenzione dei mandanti si dimostra palese, non siamo sicuri che avranno la capacità di farlo. Gli autori del pezzo criminale, Yasser Okbi, e Maariv Hashavua, non hanno alcun problema a mostrare la loro soddisfazione personale per l’assassinio; e sembrano avere sostenuto il compito di spingere per una conclusione positiva dell’operazione, vale a dire, l’escalation verso una guerra. Possibilmente utilizzando ciò che resta dei loro terroristi, per farli scatenare al di fuori della loro area. Loro si vantano circa quello che sembrano già sapere, ovvero che ci sarà una nuova ondata di atti terroristici, dieci volte più grande di quelli che abbiamo visto fino ad ora …
Chiaramente la cricca che ha organizzato la rivoluzione colorata, le primavere arabe, le guerre locali – sembra più determinata che mai a scatenare una guerra più grande.

Mentre una coalizione crescente si batte per la pace e per lo smantellamento dell’arsenale nucleare accumulato dai neocon, la guerra, la vera guerra sembra essere l’ultima opzione che questi circoli bellicisti hanno come loro risorsa. Questo è il motivo per cui la guerra irregolare ( vedi terrorismo) viene ri-indirizzato contro l’Europa. Questo è il motivo per cui vogliono provocare una esplosione sociale ed etnica in Macedonia per farla espandere al resto dei Balcani, ora …e dopo.
L’elite dominante degli Stati Uniti è stata costretta a procedere in un modo diverso e a sganciarsi a loro volta dall’apparato di potere delle dinastie dei Bush / Clinton, e con questo ci sono molte probabilità di sfuggire al baratro.

La Francia si potrebbe liberare dalla ipoteca dei Sarkozy / Hollande, l’Italia potrebbe allontanarsi dalle catene imperiali neoliberali delle marionette degli USA. Anche la Germania potrebbe allontanarsi dalla stupidità masochista che ha dominato la loro politica con la Merkel e trovare la via del ritorno a un leader razionale come Kohl o un Gerhard Schroeder …

Così i pazzi criminali comunemente noto come neo-cons o liberali imperialisti stanno contemplando la loro obsolescenza, e sono pronti a fare qualsiasi cosa per mantenersi al potere. Saranno in grado di avere la capacità di fare qualcosa? Saranno i paesi dell’Europa, quelli del Medio Oriente far loro capire che hanno questa capacità?
Gli europei, in particolare, devono essere molto attenti a non cadere nel pendio scivoloso e suicida e della stupida ostilità nei confronti della Russia. Le prossime settimane saranno un periodo caratterizzato da un vuoto relativo del potere ufficiale e da una relativa mancanza di responsabilità facilmente rintracciabili.

Pezzo dal Jerusalem Post :

“… Alcuni sono ora ad interpretare questi messaggi visuali come una testimonianza del fatto che siamo già nel pieno di una terza guerra mondiale …”
“… Il messaggio era chiaro: dopo che l’ambasciatore russo è stato ucciso, un evento che ha innescato una guerra mondiale nel secolo scorso, nel migliore interesse di tutti vi è il fatto di non versare olio sopra le acque agitate della Siria. ”

Coloro che hanno seguito da vicino i canali di social media arabi nelle ultime 24 ore si sono probabilmente già compreso che il mondo arabo è diviso in due campi di combattimento: un campo condanna con forza l’assassinio, come sembra essere finita  male la lotta in corso dei ribelli e / o giocare a destra nelle mani del regime di Assad, mentre l’altro campo si sta  fondamentalmente gongolando.

Molti nel mondo arabo ha adottato l’immagine del killer come l’immagine del loro profilo su piattaforme di social networking come Twitter e Facebook, esprimendo il loro sostegno del suo atto brutale.

Poi ci sono quelli che parlano di evento drammatico di Lunedi come possibile innesco di una terza guerra mondiale, che ricorda l’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando d’Austria, che è stato ucciso, insieme alla moglie, durante la visita della coppia a Sarajevo il 28 giugno 1914.

Sembra che le voci che hanno emesso questa dichiarazione e altre simili non siano state acquietate dai messaggi di calma e di pace espressi dal presidente russo Vladimir Putin, così come il suo omologo turco, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Fonti: Jerusalem Postc

loading...