Complottisti

Il nostro mondo è una prigione concettuale e vediamo solo scorci di realtà, dice uno scienziato

Durante la lettura di questo, si sta guardando lo schermo di un computer, uno smartphone o un tablet. Pensi di aver visto tutto quello che c’è da vedere. Ma cosa succede se vi dicessi che non è così? Vediamo solo scorci di realtà?

Uno scienziato cognitivo ha presentato una teoria interessante, suggerendo che viviamo in una prigione concettuale e vediamo solo scorci di realtà. Ciò significa che la realtà come la percepiamo, può essere solo una piccola frazione della vera esistenza.

Qual’è realtà che percepiamo?

Ci sono alcuni scienziati, come il Dr. Joe Dispenza, che dicono che i nostri pensieri creano la nostra realtà.

Il dottor Dispenza, che è un neuroscienziato e autore di diversi libri, come “Evolve Your Brain: The Science of Changing Your Mind“, ed ha detto che, durante la sua ricerca in remissioni spontanee, ha scoperto e continuamente analogie nelle persone che sono passate attraverso le cosiddette cure miracolose e mostrano che in realtà hanno cambiato le loro idee e poi hanno cambiato il loro stato di salute. In altre parole, ciò che pensi influisce sulla salute.

Recenti studi nel campo delle neuroscienze hanno dimostrato che siamo in grado di cambiare il nostro cervello solo dal pensiero.

Quanto vediamo della nostra realtà?

Quanto vediamo della nostra realtà?

Il concetto è interessante, ma cosa succede se non ci rendiamo conto tutti insieme della cosiddetta realtà?

I ricercatori dell’Università di Amsterdam suggeriscono che ciò che si vede non è reale ed è un illusione ottica.

I risultati suggeriscono che mentre la nostra visione periferica è meno marcata e dettagliata di ciò che vediamo al centro del campo visivo, possiamo notare una differenza qualitativa, perché il nostro sistema di elaborazione visiva elabora in realtà quello che vediamo nella periferia.

Il ricercatore di psicologia, Mars Otten dell’università di Amsterdam, ha dichiarato:

I nostri risultati mostrano che nelle giuste circostanze, gran parte della periferia può diventare una illusione ottica.

Che cosa è una prigione concettuale?

Lo scienziato cognitivo Donald Hoffman della University of California, ha trascorso 30 anni a cercare di svelare il mistero della nostra percezione. Egli è convinto che l’evoluzione e la meccanica quantistica cospirano per rendere la realtà oggettiva un’illusione.

Hoffman utilizza la teoria di gioco evolutiva per dimostrare che la nostra percezione della realtà è un’illusione. Egli ha detto,

L’evoluzione ci ha plasmato con intuizioni che ci permettono di sopravvivere. Ma una parte di essa comporta nascondere da noi le cose che non sappiamo. E questo è più o meno tutta la realtà, a prescindere che la realtà possa essere.

L’evoluzione non riguarda la verità, si tratta di avere figli. Ogni piccolo pezzo di informazione che si elabora ha un costo contenuto di calorie, il che significa che è necessario più cibo, di uccidere e mangiare. Così, un corpo che vede tutta la realtà non sarebbe mai stato “ingannato” come colui che vede solo ciò di cui ha bisogno per sopravvivere.

Hoffman dice che si è interessato al tema della realtà come un adolescente. Voleva scoprire se gli esseri umani fossero macchine, e, infine, nel 1980 era in un laboratorio di intelligenza artificiale del MIT e ha lavorato su una macchina della percezione. Ci ha sviluppato la teoria per risolvere il problema della combinazione della coscienza, sia combinazione di soggetti, come le esperienze, ma Hoffman pensa che noi non siamo macchine. Egli ha detto,

loading...

Il mistero di come l’attività cerebrale fa sì che noi abbiamo esperienze di coscienza non è stato ancora risolto, e non sarà mai, perché l’attività cerebrale non causa e non può causare le esperienze di coscienza. Se vogliamo avere una comprensione scientifica della coscienza, e molti rapporti ben documentati tra l’attività del cervello e le esperienze coscienti, allora non possiamo iniziare con l’attività cerebrale o le dinamiche fisiche di qualsiasi tipo. Si comincia con una nuova fondazione, ma rigorosa. Io propongo una nuova fondazione che plasma la coscienza come reti di agenti coscienti, che interagiscono.

Secondo Hoffman, non vi è alcuna ragione di credere che gli oggetti abbiano alcuna relazione con le cose che sono fuori della nostra mente. Egli spiega:

“La visualizzazione standard è che il design è molto simile alle telecamere, ottenendo l’immagine di luce riflessa da un oggetto. Ma miliardi di neuroni e migliaia di miliardi di sinapsi sono coinvolti tra la luce che raggiunge la retina e la costruzione di oggetti 3D che percepiamo.

Il nostro sistema percettivo è la nostra finestra sul mondo, ma è anche una prigione concettuale. È difficile concepire una realtà al di fuori di spazio e tempo. Ma la matematica può aprire una crepa nelle pareti della prigione. Non riesco a immaginare uno spazio multidimensionale, ma posso affrontare lo spazio tridimensionale infinito in formato matematico.”

Il nostro sistema percettivo è la nostra finestra sul mondo, ma è anche una prigione concettuale. Immagine: Glen Santayana

Hoffman dice che ci sono due incongruenze nella nostra visione dell’universo derivato dalla percezione, che può fornire indizi nella realtà sottostante la struttura. La prima è la nostra capacità di spiegare l’esperienza cosciente, per esempio, come possiamo avere la sensazione di come sperimentare il gusto del cioccolato, dalla materia fisica dei neuroni e messaggeri chimici. Il secondo è l’interpretazione della meccanica quantistica, che gli stati di una particella sono indefiniti quando non osservati, cosa che solleva la questione della nostra ipotesi che gli oggetti continuano ad esistere quando nessuno li sta guardando.

Sarebbe la nostra realtà una simulazione al computer creato da una forma di vita avanzata, sconosciuta?

Sempre più scienziati stanno seriamente discutendo la natura della nostra realtà. La teoria dell’Universo Olografico sta diventando molto popolare.

Uno scienziato suggerisce che la nostra realtà è un ologramma controllato da un genio del male.

I creatori ci stanno guardano in questo momento?

I creatori ci stanno guardano in questo momento?

Uno scienziato del Propulsion Laboratory Jet NASA dice che il nostro Creatore è un programmatore di computer cosmico, e ci sono ricercatori che dicono di aver trovato la prova che l’universo è un grande ologramma 2D e che siamo un’illusione.

Tutte queste teorie sono provocatorie e molti studi devono essere effettuati prima di trarre conclusioni.

Forse ora davvero non importa se chiamiamo il nostro mondo una prigione concettuale o un ologramma. Ciò che conta è che non siamo in grado di determinare la quantità della realtà che percepiamo, e molti direbbero che non possiamo nemmeno definire il termine “realtà”.

E ‘il motivo per cui alcune persone sono in grado di testimoniare gli eventi anomali quali ad esempio avvistamenti UFO, mentre gli altri sono chiusi nella “normalità” dei loro mondi?

a cura di Hackthematrix

source

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK