Complottisti

George Soros, la società aperta e la Madonna di Fatima

loading...

Qualche mese fa il nostro Presidente del Consiglio, Gentiloni, ricevette, per un colloquio, George Soros, tentando di tenere nascosto l’incontro.

Il ministro dell'Economia Padoan
© AFP 2017/ GEORGES GOBET

Qualche mese fa il nostro Presidente del Consiglio, Gentiloni, ricevette, per un colloquio, George Soros, tentando di tenere nascosto l’incontro. Il finanziere ebreo-ungherese, è bene ricordarlo ai corti di memoria, operò nel 1992 contro l’Italia, speculando, nel mercato dei cambi, a danno della lira, che all’epoca era ancora la nostra moneta nazionale. L’operazione anti-lira di Soros ci costò 48 miliardi anche per via dell’inettitudine dell’allora Governatore di Bankitalia, il “venerato maestro” Carlo Azeglio Ciampi, che tentò di fermare la speculazione sorosiana bruciando tutte le nostre riserve in marchi tedeschi e dollari. Alla fine la lira dovette svalutare del 30% (il che non fu completamente un male perché ne conseguì un boom delle nostre esportazioni) ed uscire dallo Sme, l’accordo sui cambi fissi che all’epoca legava tra esse le monete europee in vista della futura moneta unica. Cosa incredibile, tuttavia, è che nel 2013, in quel di Udine, George Soros è stato insignito del premio internazionale Terzani.

Non a caso, a nostro giudizio, dato che Soros non è semplicemente uno speculatore avido di denaro ma un filosofo propugnatore della “società aperta”. La giuria del premio deve averlo considerato in sintonia con la filosofia che ispirava Tiziano Terzani. Ci piacerebbe, però, sapere cosa ne avrebbe pensato quest’ultimo, ricercatore di spiritualità esotiche in nome della  “liberazione nirvanica”. Certo il sospetto di una possibile e segreta connessione filosofica tra nichilismo spirituale e liberalismo è forte.

Un analista americano di matrice conservatrice, Phil Butler, ha messo in rilievo, sulla base della documentazione trapelata da DC Leaks, l’influenza irresistibile esercitata da Soros sulle classi politiche europee (1). I media ci assillano quotidianamente a proposito delle incursioni informatiche della Russia per influenzare le elezioni americane, ma quel che è emerso sul potere di Soros è roba da far apparire Putin — sempre che le accuse mossegli siano vere (ed anche qualora lo fossero si tratterebbe di una antica prassi di guerra diplomatica e mediatica da tutti esercitata almeno da metà ottocento) — un improvvisato giocatore della cyberwar.

George Soros
© AP PHOTO/ MANUEL BALCE CENETA

Le fughe di notizie di DC Leaks hanno fatto trapelare il controllo totale di Soros sulle politiche europee. Le intercettazioni rese pubbliche dimostrano in modo schiacciante che la sua Open Society Foundations finanzia i media europei indirizzandoli verso l’ideologia della “società aperta”. Nella documentazione emersa viene spiegato, ad esempio, che l’Open Society Initiative for Europe ha influenzato le elezioni europee del 2014 pagando incredibili quantità di denaro a giornalisti, opinion markers e politici per “creare” la politica dell’Unione Europea e la classe dirigente chiamata ad attuarla. Soros, secondo tali rivelazioni, ha creato un apposito ente non profit, l’EUobserver, per “solleticare” i media europei. L’EUobserver — è stato scritto testualmente a margine della documentazione trapelata — ha quale mission quella di «incoraggiare il dibattito su come i valori della società aperta siano minacciati (…).

EUobserver ha reclutato giornalisti locali esperti per assistere agli eventi legati alle campagne elettorali, per condurre interviste e scrivere editoriali di alto livello in 16 Stati. Con questa strategia di infiltrarsi nel giornalismo locale, EUobserver è stato in grado di indicare i preoccupanti trend internazionali, piuttosto che limitarsi a riportare incidenti isolati. Hanno pubblicato un totale di 128 articoli nel periodo che va da febbraio a maggio 2014».

Secondo Butler, la Open Society Foundations di Soros ha finanziato l’EUobserver con 130.922 dollari, permettendo la pubblicazione di centinaia di influenti articoli, che sono stati poi letti in tutto il Continente, approssimativamente pagando 1000 dollari ad articolo, con lo scopo di «reclutare un network di giornalisti indipendenti (?!) nelle capitali europee».

George Soros
© AP PHOTO/ MANUEL BALCE CENETA

Dalla documentazione emersa da DC Leaks la manipolazione sociale da parte delle varie ONG di Soros è determinante per le politiche neo-liberali. La Open Society Foundations finanzia programmi come l’European Alternatives, che ha una sua specifica branca italiana, con lo scopo di convertire la gioventù italiana all’ideologia neo-liberale promuovendo la comunità LGBT e praticamente ogni circolo “progressista”. Un altro ente finanziato da Soros è lo European Youth Portal, un meccanismo per la standardizzazione degli ideali giovanili nel pentolone del globalismo ultraliberale. Con quasi 300mila dollari la Open Society finanzia anche il Radical Democracy for Europe, un programma nato, come hanno rivelato i documenti di DC Leakes, «per coinvolgere la comunità di media-making creativo (tra cui artisti video e d’animazione) nel dibattito sulle elezioni e sulle politiche europee, in linea con gli obiettivi generali della Open Society, connettendosi ai social network e alle piattaforme digitali e usando i film come uno strumento di incremento della consapevolezza, allo scopo di raggiungere un’ampia audience e massimizzare l’impatto».

George Soros
© AFP 2017/ ERIC PIERMONT

«Attraverso la creazione e manipolazione – scrive Phil Butler — di app e altri strumenti tecnologici, Soros cerca di “acchiappare” chiunque possa sostenere i suoi obiettivi. Da piccoli programmi come iChange Europe a innovazioni come Vote Match Europe, gli scagnozzi di Soros hanno impiantato sistemi di controllo in ogni angolo dell’Unione. SPIOR in Olanda, Transparency International in Lettonia, l’European Youth Forum, Migrant Voice… la lista di strumenti dell’Open Society per influenzare (l’opinione pubblica europea) … è impressionante. Soros ha lanciato una campagna di massa per trasformare l’Europa (…).C’è ampia evidenza che George Soros sia l’architetto e il dittatore dell’intera situazione migratoria che sta distruggendo l’Europa. Attraverso meccanismi di controllo acquisiti o influenzati ad ogni livello, non è irragionevole pensare che Soros diriga le leadership dell’Unione Europea alla stregua di un burattinaio. Ogni dogma, obiettivo, retorica, tono, e direzione della documentazione dell’Open Society che DC Leaks ha svelato mette le attività di Soros al centro del reticolo. Da Medici Senza Frontiere a misconosciute organizzazioni come la Federazione delle Organizzazioni Greche per Persone con Disabilità, Soros fa leva su qualsiasi cosa e qualsiasi persona capace di aiutarlo nei suoi obiettivi. (…). All’interno di queste intercettazioni ci sono prove che suggeriscono che Soros eserciti influenza non solo su leader come Angela Merkel e le sue controparti dell’Est Europa, ma anche sulle organizzazioni deputate alla mediazione dei conflitti. Dall’OSCE ad un’ampia gamma di cosiddette “ONG dei diritti umani”, Soros si comporta come una specie di “Padrino”. Le sue offerte, che nessuno sembra capace di rifiutare, ora si estendono molto più in là della mera offerta di denaro. (…)  ogniqualvolta un governo minaccia dissenso contro il movimento liberal-globalista, Soros raduna (ad esempio: OSCE e ONG contro l’Ungheria) un potentissimo esercito di collaboratori» (2).L’analista americano, al modo tipico del giornalismo d’oltreoceano, snocciola una serie di informazioni e dati, accenna a qualche commento secondo le sue posizioni politiche, azzarda previsioni ma non va oltre. Non arriva al punto “metafisico” e “trans-storico” della questione.

loading...
George Soros
© AP PHOTO/ MANUEL BALCE CENETA

George Soros è stato il finanziatore delle rivoluzioni colorate dalla Libia alla Siria passando per l’Ucraina. “Open Society” è un chiaro riferimento al suo maestro filosofico ovvero Karl Popper, che per quanto possa vantare meriti in epistemologia (nello smontare la mitologia sottesa al costruzionismo ideologico, anche quello scientista) è tuttavia uno dei padri riconosciuti del liberalismo novecentesco la cui essenza consiste nella negazione stessa della possibilità che esista la Verità metafisica. Popper è il maestro del relativismo ma non nel senso antropologico di Claude Lévi-Strauss bensì in quello filosofico liberale a suo tempo denunciato da Papa Ratzinger quale deriva dell’Occidente.

Popper è stato imposto all’attenzione culturale internazionale dal suo grande amico Frederich von Hayek e fu aiutato anche da Ludwig von Mises, altri due padri del liberalismo, nella sua versione economica ai quali si ispirò più tardi Milton Friedman il grande consigliere “monetarista” di Ronald Reagan e della Thatcher.

La sinistra ha abboccato al popperismo sin dagli anni ottanta: basta citare, come esempio, la rivista “Reset” alfiere appunto della “società aperta” intesa come società di sinistra. Sicché non è possibile dare tutti i torti ad Alesina e Giavazzi quando affermano che il liberismo, promuovendo mediante la concorrenza la mobilità sociale e quindi presuntivamente favorendo l’ascesa dei poveri, è di sinistra.

George Soros
© SPUTNIK. SERGEY GUNEEV

Quando Zygmunt Bauman ha iniziato a criticare la società liquida molti hanno finalmente compreso, anche a sinistra, che essa coincide con la “open society” di Popper e di Soros. Ma il potere apolide e globale del denaro è dalla parte di Soros, il quale non è avido di denaro di per sé. Soros non è un volgare usuraio ma un raffinato tessitore di strategie iniziatico-culturali che guarda al denaro — liquido come la società liquida globale — quale strumento per il perseguimento del suo disegno di ingegneria sociale neo-liberista di segno progressista. Progressista, sì!, ma non favorevole ai lavoratori ed a ciò che rimane del ceto impiegatizio, ossia piccolo borghese, ed operaio, ossia proletario. L’ingegneria sociale popperiana messa in cantiere da Soros favorisce il capitale apolide, trans-nazionale, che vuole assoluta libertà di movimento e di decisione, che aspira, e lo sta ottenendo, al potere di vita e di morte su lavoratori e popoli. Il capitale globale vuole imporsi negando le identità, quelle di classe come quelle nazionali. E ci sta riuscendo anche grazie a Soros ed alla sinistra “arcobaleno”.I complottisti errano quando immaginano “superiori incogniti” incappucciati nelle segrete logge. Forse un tempo era così, ma oggi i presunti incappucciati, se mai lo hanno avuto, il cappuccio lo hanno tolto mostrando chiaramente volto, nome e cognome: Soros, Attali, Monnet, ed i loro immediati collaboratori come Monti, Macron, Juncker, Merkel etc.

La Russia di Putin è per Soros l’esempio tipico di “società chiusa”. Per questo essa è l’obbiettivo principale, il nemico “metafisico”, della rete costruita dal finanziere ungherese.

George Soros
© AFP 2017/ ERIC PIERMONT

Sabato 13 maggio 2017 è stato il centenario delle apparizioni della Madonna di Fatima e qualcosa ci dice che la profezia della Madre di Dio secondo la quale “alla fine il Mio Cuore Immacolato trionferà” abbia a che fare anche con il ruolo di Katéchon svolto, in questa fase storica, dalla Russia putiniana. In effetti, come annunciato a Fatima, la Russia si è convertita o almeno ha riscoperto la sua identità tradizionale e religiosa. Cosa, questa, che ha tra l’altro smentito il “fatimismo” conservatore filo-americano (vedi padre Krammer) il quale ai tempi dell’Unione Sovietica interpretava la profezia della Vergine in chiave politicamente anticomunista e filoamericana. Dio se la ride di certe convinzioni e sa sempre come sorprenderci.Nel frattempo, però, la battaglia tra il Drago e la Donna “vestita di sole” è pienamente in atto e non si può pronunciare il nome di Soros non pensando a questo passo profetico che indica in un potere finanziario globale l’incarnazione storica di Colui che si oppone a Cristo

«Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio» (Apocalisse 13,16-17).

Questa profezia tuttavia non deve impressionare. Essa, infatti, è parte di un più vasto Annuncio che rassicura sulla vittoria finale di Cristo. Dobbiamo pertanto restare tranquilli, nonostante l’apparente invincibilità del potere globale che Soros, novello Saruman, serve quotidianamente. Noi già sappiamo che questo potere globale ha i giorni contati, proprio perché, un secolo fa, ci è stato promesso il trionfo finale del Cuore Immacolato di Maria. Il Cuore attraverso il quale il Verbo di Dio si è incarnato, entrando definitivamente nella storia dell’umanità, ed il cui ritorno Maria sta annunciando. “Vi saranno segni nel Sole” (Lc. 21,25), come appunto vi sono stati a Fatima ed altrove in Presenza di Maria.

Il Verbo Incarnato Gesù Cristo, Dio-Uomo, tornerà per sconfiggere definitivamente l’Oscuro Signore, colui che la tradizione islamica chiama al-Dajjāl, l’Impostore, il Mentitore, e la tradizione cristiana l’Anticristo, l'”omicida sin da principio“, “menzognero e padre della menzogna” (Gv. 8,44), “l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino  a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio” (2Tes. 2,3-4), ed il cui “segno” va ricercato, come svelatoci nel Libro della Rivelazione, soprattutto nel potere mondiale del denaro.

Luigi Copertino

NOTE

1) Cfr. Phil Butler “La macchina sovversiva di Soros esposta al pubblico” su New Eastern Outlook, 19.04.2017, reperibile in italiano su www.arianna.it.

2) Cfr. Phil Butler, op. cit..

 

Fonte: maurizioblondet.it

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK